Redazione

Le coltivazioni di Firenze a km zero

Published in Blog

Da Via del Cocomero all’Horto dei Semplici La prima strada a sinistra da piazza del Duomo (oggi via Ricasoli) si è chiamata fino al 1847 “Via del Cocomero”. Lo strano nome, che per i fiorentini indica quello che in tutta Italia viene chiamata “Anguria”, si deve alle grandi coltivazioni di cocomero e zucche che c’erano…

J like JUMPSUIT born in Florence, 101 years old

Published in Blog (in English)

The Tracksuit Model, one-piece universal jumpsuit, was attached to the newspaper La Nazione at a cost of fifty cents at the end of June 1920. Creative marketing, advertising and sales, not of a finished product but of his project. Thus La Nazione illustrated the futurist jumpsuit: “One-piece surcoat with trousers and sleeves, of sturdy cotton…

T come tuta (e come Thayaht)

Published in Blog

Nata a Firenze 101 anni fa Il cartamodello Modello di Tuta, vestito universale tutto di un pezzo, fu allegato al quotidiano La Nazioneal costo di cinquanta centesimi a fine giugno del 1920. Marketing creativo, pubblicità e vendita, non di un prodotto finito ma del suo progetto. Così La Nazione illustrò l’abito futurista: “Sopraveste di un solo…

Verrocchio’s golden sphere

Published in Blog (in English)

For 550 years the golden sphere has dominated Brunelleschi’s dome The lantern, designed by Filippo Brunelleschi and built after his death, was completed with a two and a half meter diameter copper sphere covered with gold, designed by Andrea Verrocchio and made in his workshop. To be able to find the necessary copper, Verrocchio went…

La sfera d’oro sulla cupola

Published in Blog

Da 550 anni sovrasta la cupola del Duomo del Brunelleschi La lanterna, disegnata da Filippo Brunelleschi e realizzata dopo la sua morte fu completata con una sfera di due metri e mezzo di diametro in rame ricoperto d’oro, progettata da Andrea Verrocchio e realizzata nella sua bottega. Per riuscire a reperire il rame necessario, il…

Tuscany. Homeland of wine, invents the first D.O.C.

Published in Blog (in English)

It was thanks to the Greeks (who introduced the grapevine in Italy in the eighth century B.C.), that the Etruscans, a hardworking and joyful people, appreciated the vitis vinifera, and its product, the wine! Not only that, while the Greeks excluded women from banquets and the consumption of wine, the Etruscans instead loved to toast…

Toscana, Patria del vino, inventa la prima D.O.C.

Published in Blog

Fu grazie ai Greci (che introdussero la vite in Italia nel VIII sec. a.C.), che gli Etruschi popolo laborioso e gaudente, apprezzarono la vitis vinifera, e il suo prodotto, il vino! Non solo, mentre i greci escludevano le donne dai banchetti e dal consumo del vino, invece gli Etruschi amavano brindare con le loro donne,…

Too much grace, Saint Anthony! (Italian way of saying)

Published in Blog (in English)

In Via dello Studio (Studio Street) 25 there is a tower house. Above the entrance, a plaque and a terracotta bust remind us that this was the birthplace of Antonio Pierozzi (1389-1459), Dominican, prior of San Marco, theologian, scholar and archbishop of Florence, made a saint in 1523. Better known as Saint Anthony because of…

Troppa grazia, Sant’Antonio!

Published in Blog

In Via dello Studio, 25 sorge una casa torre. Sopra l’ingresso una targa e un busto in terracotta ricordano che quella fu la casa natale di Antonio Pierozzi (1389- 1459), domenicano, priore di San Marco, teologo, letterato e arcivescovo di Firenze, fatto Santo nel 1523. Meglio conosciuto come Sant’Antonino per via della sua corporatura, è…