La bellezza, per (ri)cominciare

Written by

Tutti dicono “Ricominciamo”, preferiamo dire “COMINCIAMO da capo e cominciamo CON LA BELLEZZA”.

Per dirla con le parole di Dante:

fatti non foste a viver come bruti

ma per seguir virtute e conoscenza

(Inferno – Canto XXVI)

Seguiamo allora questa nostra virtù e questa nostra conoscenza. Cominciamo con la bellezza!

Cosa è la bellezza?

Il canto degli uccelli la mattina presto. I volti nobili di Piero della Francesca. L’eleganza di un’equazione. Le onde che si frangono sulla riva del mare. Un atto di gentilezza gratuita. Una sarabanda di Bach. Lo sguardo di un bambino. Il cielo stellato in una notte d’estate”. (I benefici della bellezza – Piero Ferrucci – Oscar Saggi -Mondadori 1918)

La bellezza è una risorsa straordinaria dai mille magici effetti.

Vedere un quadro ai piedi del letto ci fa guarire prima. Camminare fra gli alberi ci fa più creativi. Andare a mostre e concerti ci fa vivere meglio e più a lungo. Tutto provato dalla ricerca, dalla scienza.

Gli uomini hanno intuito e dato valore all’aspetto sociale dello stare a tavola, ed è per questo motivo che hanno trasformato la “necessità” del dover mangiare, in piacere e bellezza.

Avete mai considerato all’etimologia delle parole? “Compagno” viene da “cum  panis”: è colui con il quale mangio il pane. E “convivio”, sinonimo di banchetto? Viene da “cum  vivere”. Vivere insieme, ed equivale a mangiare insieme.

Paolo Frullini, 2020

ZA Z’ART, il punto di vista dei creativi

Quando riapriremo troverete molti cambiamenti, vi faremo sentire sicuri e circondati dalla bellezza. Dalla bellezza dei nostri locali igienizzati, dai nostri piatti genuini e con la novità di poter godere, on line  (sul sito www.trattoriazaza.it e sui nostri social) una mostra di fotografie che arricchiremo nel tempo: COMINCIAMO CON LA BELLEZZA, dove artisti, designers, architetti, videomaker, bloggers mostreranno le foto del “loro Zà Zà”. Ognuno dal proprio punto di vista, perché, citando “L’attimo fuggente”-è guardando le cose da angolazioni diverse, che il mondo appare diverso”.

Vedremo, attraverso i loro occhi, il cibo, i piatti, gli angoli e gli ambienti, le luci e le ombre, i colori, i volti e i gesti,i particolari e i prodotti firmati Zà Zà, all’interno del nostro sito, nella galleria fotografica ZA Z’ART.

Allora riappropriamoci della bellezza, riappropriamoci della socialità: è a tavola che dimentichiamo tutte le paure.

VAI ALLA FOTOGALLERY

Afra Bacci, 2020